Salvini: “De Luca? A Napoli lo definiscono ‘nu piatt vacànt'”

"Il caso Mondragone si aggrava, governatore tace"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Il caso Mondragone si aggrava: decine di positivi, quattro contagiati hanno fatto perdere le proprie tracce, cresce la tensione tra gli italiani e la comunità bulgara e addirittura le tv nazionali seguono il caso. De Luca, così pronto a insultare la Lega, tace. Amici napoletani mi segnalano una bella espressione: ‘Nu piatt vacànt‘. Tante scene, a partire dalle sparate sul lanciafiamme, ma alla prova dei fatti il piatto è vuoto. Da De Luca tante parole ma zero fatti”. Così il leader della Lega Matteo Salvini.

LEGGI ANCHE: VIDEO | De Luca: “Di usurato Salvini ha il fattore ‘c’, quello della fortuna”

VIDEO | De Luca: “Salvini porta seccia sul ritorno dell’epidemia in Campania”

VIDEO | Coppa Italia, De Luca: “Salvini torna a ragliare, razzismo incancellabile”

DE LUCA: “A MONDRAGONE LAVORO RIGOROSO PER ISOLARE IL VIRUS”

Su Mondragone come sempre abbiamo reagito in tempi immediati. Appena abbiamo avuto notizia del contagio di una donna di nazionalità bulgara, abbiamo messo in quarantena le palazzine e mobilitato le forze dell’ordine perché ci fosse un controllo rigoroso sulle persone messe in quarantena”. Lo dice il governatore della Campania Vincenzo De Luca parlando del nuovo focolaio di Covid-19 a Mondragone, in provincia di Caserta, dove l’area delle Palazzine Cirio è stata messa in quarantena in virtù di un’ordinanza regionale in vigore fino al prossimo 30 giugno. De Luca, a margine di un’iniziativa all’Ospedale del Mare, ha annunciato che nelle prossime settimane ci saranno ulteriori controlli “a tappeto sugli stagionali che vanno a lavorare nelle campagne soprattutto nei mesi di luglio e agosto”. Molti di coloro che vivono nelle Palazzine Cirio sono infatti braccianti che arrivano a Mondragone esclusivamente per lavorare nelle stagioni di raccolta. “Stiamo facendo un lavoro rigoroso e impegnativo per isolare i contagi che sono arrivati dalla Bulgaria o da altre parti del mondo – assicura il presidente della Regione – ma come sempre siamo impegnati a garantire la serenità delle nostre famiglie”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»