Caso Vannini, esce il libro ‘Mio figlio Marco’

Presentazione il 3 luglio. Il ricavato delle vendite sarà devoluto ad attività sociali alla memoria di Marco nei comuni di Cerveteri e Ladispoli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Marina voleva scrivere la storia di suo figlio e mi ha scelto e voluto al suo fianco. Con dedizione mi sono messo a servizio per ripercorrere la loro vita, fino ad arrivare all’evento che conosciamo tutti”. A spiegare all’agenzia Dire come sia nato il libro ‘Mio figlio Marco. La verità sul caso Vannini’ (Armando Editore), che “entro il 30 giugno sarà in tutte le librerie” è il giornalista e scrittore Mauro Valentini che ha “scavalcato il recinto del giornalista che fa inchiesta per diventare narratore”, per raccontare la storia di Marco, ucciso la notte del 18 maggio 2015 nella casa della fidanzata e il cui processo, ha stabilito la Cassazione, è tutto da rifare dopo la condanna in appello a 5 anni per Antonio Ciontoli e a 3 per gli altri membri della famiglia.

Questo libro “è un tributo alla famiglia Vannini che continuo a vedere di 3 persone. Marco riesce ad essere presente”. “Il 3 luglio, alle 17- ha anticipato Marina Conte – a Cerveteri, al Granarone, sarà presentato pubblicamente” e il “ricavato delle vendite- un aspetto a cui tiene molto la famiglia Vannini- sarà devoluto interamente ad attività sociali alla memoria di Marco nei comuni di Cerveteri e Ladispoli che l’hanno visto crescere”.

Il libro ripercorre il caso giudiziario, ma non solo. E’ un libro su Marco, il ragazzo che era anche prima dell’incontro con Martina Ciontoli, sui progetti, i sogni, il suo carattere, “un generoso” così viene descritto dagli amici e vicini, per quanti in questi anni di battaglia giudiziaria di mamma Marina e di papà Valerio l’hanno visto sulle t shirt, nei racconti dei familiari o nelle deposizioni in Tribunale. Il lavoro di Mauro Valentini è stato di analisi di tutte le carte giudiziarie: “abbiamo lavorato prima che si esprimesse la Cassazione che sembra averci dato ragione. Ho riletto le carte- ha spiegato- con quella calma che fino a 5 anni fa non c’era, le intercettazioni, le indagini mancate, le testimonianze dei vicini non prese in considerazione per arrivare a un quadro che rassomiglia alla verità. I 2 percorsi coincidono, quello logico degli eventi e quello giudiziario. Forse la prima giuria e la seconda non avevano letto correttamente le carte e infatti la Cassazione ha detto che il processo era sbagliato. Ma al centro di tutta questa storia c’è Marco- ha ribadito lo scrittore- raccontarlo per tenerlo presente”. Quanto alla storia d’amore che gli ha cambiato la vita: “C’è un capitolo sull’amore con Martina Ciontoli. Un incontro che cambia la vita di Marco da adolescente spensierato a ragazzo troppo responsabilizzato. Dico questo perché gli amici che ho intervistato dicono che sembravano sposati da 20 anni e questo può avere un peso nello sviluppo della storia”. Sul movente dell’omicidio: “E’ abbastanza chiaro- ha detto Valentini- che qualcosa è accaduto e che nessuno ce lo dirà mai, ma si sarebbe potuto rimediare con una telefonata: bastava chiamare il 118, o mamma Marina che non si da pace di non esser stata chiamata mentre suo figlio la chiamava e invocava aiuto”. Un’omissione che non è solo grave “sul piano morale, ma pratico. Tre perizie- ha ricordato Valentini- dicono che si sarebbe potuto salvare, bastava chiamare il 118 e avvisare del colpo di pistola”. Entrare in casa Vannini, ripercorrere la battaglia giudiziaria, raccontare i sogni di Marco “non è stato difficile- ha detto il giornalista- Lo abbiamo fatto con serenità, insieme a Marina e Valerio con i quali ho sentito subito comunione di intenti e un feeling che non si è perso mai, li ho presi sotto braccio dal primo all’ultimo giorno. Ho consegnato la prima bozza per il controllo a Marina l’8 aprile e avevo iniziato ad ottobre. Ho voluto fare un regalo a Marco, per il suo 25mo compleanno“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»