VIDEO | Trapani, sequestro da un milione e mezzo a un trafficante di uomini

Si tratta di un tunisino di 40 anni. Il viaggio costava ai migranti anche tremila euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://vimeo.com/432410732

PALERMO – Beni del valore di 1,5 milioni di euro sono stati sequestrati dagli uomini del Comando provinciale della guardia di finanza di Palermo, in collaborazione con i colleghi di Trapani, a Fadhel Moncer, cittadino tunisino di 40 anni che nel 2019 fu raggiunto da un fermo emesso dalla Dda del capoluogo siciliano nell’ambito dell’indagine ‘Barbanera‘ contro il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e il contrabbando di sigarette tra il nord-Africa e Sicilia occidentale. Il provvedimento, che riguarda aziende, immobili e disponibilità finanziarie, è stato disposto dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Trapani. Moncer sarebbe stato a capo dell’organizzazione dedita al traffico di uomini e sigarette e secondo la guardia di finanza “ha dimostrato di disporre di una solida e radicata struttura organizzativa e di adeguate risorse umane e materiali”.

Per ogni viaggio i migranti arrivavano a pagare anche tremila euro. Dagli accertamenti economico-patrimoniali disposti dalla procura di Palermo ed eseguiti dal Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza è emersa “una significativa sproporzione tra i redditi dichiarati e gli investimenti effettuati da Moncer. Questi i beni sequestrati: un immobile, due aziende e terreni a Marsala e Mazara del Vallo, oltre che un’auto e disponibilità finanziarie. Una delle due imprese sottoposte a sequestro opera nel settore agro-alimentare, mediante la coltivazione in serra di prodotti stagionali, su terreni estesi per circa due ettari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»