Olimpiadi 2026, l’evento è boom su Twitter. Sala batte tutti

Un successo strepitoso per le Olimpiadi 2026 anche su Twitter, dove sono anche a distanza di molte ore rimangono nei trending topic. Record retweet per Sala, e c'è chi scherza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Più di 46.000 cinguettii virtuali. Sono quelli contati da Twitter dalle 18 di ieri sera, il momento in cui a Losanna è stata data la notizia che Milano e Cortina si sono aggiudicate l’assegnazione delle Olimpiadi invernali 2026, battendo Stoccolma. Un ‘trending topic’ che non scende da ieri sera e gli hashtag più usati sono #OlimpiadiInvernali2026, #MilanoCortina2026 e #Olimpiadi2026. Il picco di 11.400 mentions ‘simultanee’ si è raggiunto proprio ieri alle 18 nel momento del verdetto da parte del Comitato olimpionico.

VIDEO | Olimpiadi 2026, a Milano entusiasmo incontenibile

“Il social si conferma come la piattaforma preferita dagli utenti per condividere aggiornamenti e dialogare in tempo reale su eventi di attualità e di grande impatto mediatico come lo sport”, scrivono gli amministratori di Twiiter. In assoluto, il tweet più cliccato è stato quello del sindaco di Milano, Beppe Sala, in cui si mostra con un paio di scii in mano e commenta con “Tac“, proprio come si direbbe nella ‘sua’ città.

Olimpiadi 2026, trionfo Italia: sede assegnata a Milano e Cortina

 

Seguono la pagina ufficiale dell’evento, che conta già quasi 6.000 follower; l’annuncio di Eurosport e i commenti del presidente del Coni, Giovanni Malagò e della sciatrice Sofia Goggia. Vola in cima alla lista di gradimento, con oltre 3.500 ‘likes’ il commento ironico del giornalista Luca Bottura: “Sala non si ferma, si farà a Milano anche lo stadio della Roma“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»