‘Quattro amici a tavola’ vince Comuni-care la scienza

Il progetto racconta l’applicazione odierna e futura della Tavola degli elementi nella vita di ogni giorno, dagli smartphone all’etanolo, per finire con l’intelligenza artificiale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – ‘Quattro amici a Tavola, una conversazione periodica’ ha vinto il contest organizzato dalla Federico II di Napoli nell’ambito del progetto Comuni-care la scienza (corso di divulgazione scientifica riservato laureati e dottorandi della Scuola politecnica e delle scienze di base e promosso da un comitato interdipartimentale di cui il Distar del professor Domenico Calcaterra è capofila) premia l’elaborato di otto partecipanti sul tema della tavola periodica degli elementi, che compie 150 anni dall’ideazione: fra i trionfanti ci sono quattro Phd.

Il corso, alla seconda edizione, ha visto la partecipazione di quasi 40 giovani che per una settimana sono stati addestrati a una divulgazione attrattiva e di ampio respiro da parte di docenti più disparati, dal disegnatore di Topolino Fausto Vitaliano all’allenatore della nazionale maschile di pallanuoto Alessandro Campagna.

Il progetto vincitore racconta l’applicazione odierna e futura della Tavola degli elementi nella vita di ogni giorno, dagli smartphone all’etanolo, per finire con l’intelligenza artificiale. La squadra vincitrice è composta da: Luca Di Girolamo (PhD, Ingegneria dei sistemi civili), Palmira Marsiglia (PhD, Scienze della terra), Giovanni Falgiano (LM Scienze della terra), Emmanuele Parisi (PhD, Scienze chimiche), Marcello Bruschini (LT, Biologia), Giusi Di Salvio (LM, Ingegneria biomedica), Camilla Luisi (LM, Biotecnologie), Mariano Di Napoli (PhD, Scienze della terra).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»