Olimpiadi 2026, Malagò: “Per il comitato manager di peso, spero ci siano molte donne”

Il presidente del Coni riflette sul grande peso avuto dalle donne per portare la candidatura di Milano-Cortina alla vittoria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sono d’accordo con il sottosegretario Giorgetti: serve un manager di peso per il Comitato organizzatore, siamo in piena condivisione per quel che riguarda l’identikit e le competenze”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, il giorno dopo la vittoria di Milano-Cortina per i Giochi Olimpici e Paralimpici invernali.

“Certo non sta a me decidere, lo faremo tutti insieme con gli altri stakeholder– ha spiegato parlando con i cronisti allo Swiss Tech Convention center di Losanna- Troveremo un ad e un dg che gestiscano a tempo pieno il Comitato, ma secondo me è sbagliato pensare a solo un nome perché ci devono essere diversi soggetti specializzati in vari dipartimenti. Però spero che ci siano delle donne di sport e capaci, perché abbiamo fatto la differenza mettendole in campo per la candidatura. Sarebbe un bel segnale”, aggiunge Malagò facendo anche i nomi di Diana Bianchedi e Anna Riccardi, “due fuoriclasse”.

Per quanto riguarda le caratteristiche del Comitato, “sarà per metà privato, con sponsor di supporto, e per metà pubblico. Poi decideremo la forma giuridica: se sarà snello comporterà più rischi, se sarà più blindato magari potrebbe esserci più burocrazia”. Sicuramente “avrà una sede a Milano e una più piccola a Cortina, con presidi nelle altre località per cui so che gli Enti locali stanno già mettendo a disposizione i loro uffici”, conclude Malagò, che conferma il suo ruolo da “presidente del Comitato, ma senza deleghe di gestione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»