Agguato in mezzo alla folla, freddato il fratello del boss di Andria

Vito Griner è morto subito nonostante i soccorsi. Suo fratello Filippo è un elemento di spicco della criminalità organizzata affiliato alla Sacra Corona Unita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Era affollata ieri sera la villa comunale di Andria quando qualcuno ha esploso diversi colpi di arma da fuoco all’indirizzo di Vito Griner e Nicola Lovreglio. Il primo è morto nonostante i soccorsi; l’altra persona ferita nell’agguato ha 39 anni ed è in ospedale: non è in pericolo di vita, seppur in gravi condizioni.

La vittima, che ha 37 anni ed era libero dallo scorso aprile dopo aver trascorso un lungo periodo agli arresti domiciliari, è nota agli archivi delle forze dell’ordine anche perché suo fratello Filippo è un elemento di spicco della criminalità organizzata di Andria, affiliato – secondo quanto riscontrato dalle indagini – alla Sacra Corona Unita. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri intervenuti ieri sera assieme ai soccorritori del 118. Non è escluso che l’agguato sia inserito nella lotta fra gruppi criminali che si contendono i traffici illeciti in città.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»