Pizzarotti: “Il Pd è morto e Renzi è il responsabile”

Il Pd è fallito". Ne è convinto Federico Pizzarotti, primo cittadino di Parma ex M5S e oggi tra gli animatori del progetto politico Italia in comune.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Pd è fallito”. Ne è convinto Federico Pizzarotti, primo cittadino di Parma ex Movimento 5 stelle e oggi tra i principali animatori del progetto politico Italia in comune. Lo dice Federico Pizzarotti, sindaco di Parma.

“Come tante volte spiego parlando ai militanti di quel partito, il Pd è morto- prosegue-, e se si rendono conto di questo non possono che averne un beneficio. Poi leggo le tante analisi dei suoi dirigenti. E Carlo Calenda, in questo caso, mi è sembrato più lucido di Maurizio Martina. Bisogna cambiare tutto, anche il nome, perché di persone valide ce ne sono tante, ma il progetto politico è naufragato. Non capisco cosa ci sia da rifondare, come sostiene il segretario reggente. Bisogna ripartire da zero“.

Per Pizzarotti Renzi e’ “sicuramente uno dei responsabili di questo fallimento. Non tanto per come ha comunicato quel che faceva, ma per come ha condotto il partito, creando divisioni, cerchi magici, un solco tra renziani e antirenziani. Una gestione spregiudicata per la quale non appena il leader ha perso quota abbiamo visto la fine che ha fatto. Anche se mantiene una posizione predominante, e ne condiziona ancora le scelte“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»