Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Comunali, Lega punta Firenze e Toscana: definitivo tracollo Pd

Nel 2019 si voterà in realtà importanti come Firenze, Prato e Livorno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Vinto a Pisa, Siena, Massa e Pietrasanta “non dobbiamo minimamente cullarci sugli allori. Nel 2019 si voterà in realtà importanti come Firenze, Prato e Livorno”. Il tutto “senza dimenticare, ovviamente, il fatidico appuntamento del 2020, quando i toscani saranno chiamati a rinnovare il Consiglio regionale: sarà il definitivo tracollo di un Pd, ormai costantemente e sonoramente bocciato dagli elettori. Ne sono convinto”. E’ Manuel Vescovi, senatore e segretario toscano della Lega, a suonare la carica all’indomani dei successi centrati in Toscana. Una prestazione, continua, “straordinaria per il nostro partito, che premia il grande impegno profuso sul territorio dal nostro segretario Matteo Salvini e la determinazione messa in campo dai nostri militanti e sostenitori”.

La Lega, infatti, “si è nuovamente dimostrata forza trainante del centrodestra e decisiva per spodestare i ‘dem’ dalle loro roccaforti di un tempo”. Vescovi, quindi, conclude con “un doveroso grazie a caratteri cubitali ai cittadini. Noi, sono certo, li ripagheremo della loro fiducia impegnandoci al massimo per risolvere le tante problematiche che il Pd ha colpevolmente lasciato nei tre capoluoghi di provincia”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»