Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Comunali, Maurizio Martina (Pd): “Cambiare e ricostruire con umiltà e coraggio”

Il segretario reggente del Partito democratico commentando l’esito dei ballottaggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dobbiamo cambiare e ricostruire. Con umilta’ e coraggio. Un nuovo Pd per un nuovo centrosinistra #ballottaggi #amministrative”.

“SCONFITTA NETTA”

“Mi aspettavo qualche segnale diverso. È una sconfitta netta, inutile girarci intorno. Ci sono segnali che dobbiamo valorizzare, come Teramo e Siracusa, ma non cambiano il segno della sconfitta”. Lo dice Maurizio Martina, segretario reggente del Pd, a Circo Massimo su Radio Capital. “Nelle ex regioni rosse c’e’ un cambiamento profondo che dobbiamo comprendere. In quelle terre una domanda di cambiamento e alcuni temi, come quello della sicurezza, ci hanno messo in difficolta’. Non bisogna dare piu’ nulla per scontato”, aggiunge.

“IN CAMPO DESTRA NUOVA E AGGRESSIVA, DOBBIAMO AFFRONTARLA”

“In campo c’e’ una destra nuova e aggressiva, e noi dobbiamo affrontarla”. Aggiunge-  “Continuo a pensare che dobbiamo attrezzare risposte nuove a temi profondi, come immigrazione e sicurezza. Ci sono alcune parole d’ordine che Salvini sta utilizzando, parole popolari e viste come rilevanti anche da un elettorato di centrosinistra”.

“SÌ A RIPENSAMENTO COMPLESSIVO, NO A SUPERAMENTO”

“Con Carlo Calenda sono d’accordo sul lavoro di ripensamento complessivo, ma non sul superare il Pd. Tutte le proposte devono avere un perno centrale. Credo nella ricostruzione di un campo progressista con il Pd al centro”. “Faremo un’assemblea a luglio e decideremo il percorso- aggiunge-. Abbiamo tanto da cambiare, inutile negarlo. Primarie? Ci sono nel nostro statuto, sceglieremo il segretario con questo strumento che per me e’ un valore”.
“Bisogna organizzare, attrezzare il centrosinistra, il Pd, come un progetto nuovo, che non s’inventa in tre mesi”, prosegue Martina. “Il Pd in mano a Renzi? Bisogna uscire da questa discussione. Il Pd e’ una comunita’ che in questo momento sta soffrendo, ma rimango convinto che l’alternativa a questa destra si costruisce con le buone ragioni di un Pd rinnovato e aperto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»