hamburger menu

Torna a Roma il festival ‘Letterature’: a luglio cinque serate al Palatino

Il tema della ventunesima edizione è 'Tempo nostro'. Tra gli ospiti Javier Cercas, Colson Whitehead, Katie Kitamura e Deborah Levy

Letterature

ROMA – Anche quest’anno lo Stadio Palatino sarà lo scenario di Letterature – Festival internazionale di Roma, con un format di cinque serate: 12, 14, 18, 19 e 21 luglio. Il tema di questa ventunesima edizione, ‘Tempo nostro’, è fortemente legato al racconto del contemporaneo. Declinato da artisti e ospiti di fama internazionale, è uno sguardo al presente con occhi nuovi, è il desiderio di proiettarci verso il futuro con un cambio di prospettiva. Nell’anno del centenario della morte di Marcel Proust, ‘Tempo nostro’ vuole essere un omaggio all’autore, ma anche un invito a riappropriarci di ciò che abbiamo perduto.
Con letture di inediti e performance artistiche, gli autori invitati proporranno nuove chiavi di lettura, confermando ancora una volta il legame tra letteratura e vita. Tra gli altri: Javier Cercas, Colson Whitehead, Katie Kitamura, Deborah Levy.

LEGGI ANCHE: Cresce la pirateria nel mondo dei libri: un danno al Paese per 1,88 miliardi

L’ANTEPRIMA ALLA CASA DELLE LETTERATURE

Anche quest’anno l’Istituzione Biblioteche di Roma organizzerà un’anteprima di quattro appuntamenti con ospiti internazionali presso la Casa delle Letterature: André Aciman lunedì 20 giugno, Matei Visniec giovedì 23 giugno, Lillian Fishman martedì 28 giugno e Lea Hager Coen giovedì 30 giugno. Tutti gli appuntamenti saranno ad ingresso gratuito. Il programma è curato da Simona Cives, responsabile della Casa delle Letterature delle Biblioteche di Roma con il contributo di un comitato scientifico composto da protagonisti di grande rilievo del panorama letterario, quali Paolo Di Paolo, Melania Mazzucco, Davide Orecchio, Igiaba Scego e Nadia Terranova. La regia e il coordinamento artistico sono di Fabrizio Arcuri.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-25T16:34:59+02:00