hamburger menu

VIDEO | Meloni: “Madri sotto attacco, combattiamo chi vede business nella famiglia”

"Tutta la propaganda gender non ha come obiettivo la lotta alla discriminazione, l'individuo indifferenziato al quale si tende è maschio"

giorgia meloni

ROMA – “C’è un attacco concentrico alle madri, sul piano culturale. Tutta la propaganda gender non ha come obiettivo la lotta alla discriminazione o l’individuo indifferenziato al quale si tende, l’individuo indifferenziato al quale si tende è maschio”. È netta Giorgia Meloni nella sua risposta alla Dire, nel corso della sua visita di oggi a Ciampino per sostenere la candidata sindaca Daniela Ballico, se vi sia nel Paese un attacco alle madri, pensando a quante dopo aver denunciato violenza domestica si trovano a perdere i figli che finiscono in mano a servizi sociali e case famiglia.

È “la vergogna che abbiamo scoperchiato- ha detto Meloni- di come il sistema dei servizi sociali che dovrebbe essere a tutela diventa purtroppo talvolta il suo contrario, lo combattiamo e lo combatteremo a Cuneo come a Bibbiano”, ha detto ancora Meloni ricordando la mamma di Cuneo candidata in Fdi sottolineando come non si possa far finta di non vedere che qualcuno pensa che nella famiglia e nei figli ci sia un business. Un attacco culturale quindi, ma non solo, e nessuna retroguardia culturale. 

Madri non solo in casa, ma fuori nello spazio politico e pubblico: “Dio solo sa se le Istituzioni non avrebbero bisogno di madri”, ha concluso Meloni.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-25T16:44:22+02:00