hamburger menu

Conference League, scontri tra tifosi a Tirana: rispediti in Italia 80 “hooligans” della Roma

Stasera la finale, match tra Roma e Feyenoord. La polizia locale invita la popolazione a stare lontana dagli ultras delle due squadre

polizia_tirana

ROMA – Non è stata una notte pacifica quella di Tirana, dove stasera si gioca la finale di Conference League tra Roma e Feyenoord. Scontri tra tifosi di entrambe le squadre e polizia locale si sono ripetuti in tutta la città. La polizia di Tirana ha reso noto in un comunicato che sono 60 i tifosi di Roma e Feyenoord fermati a seguito degli incidenti in varie zone della città. Di questi 48 sono di nazionalità italiana e 12 olandesi. Nelle prime ore di questa mattina sono arrivati in Albania centinaia di altri tifosi e altri migliaia sono previsti, anche senza biglietto, per assistere alla sfida. La polizia ha reso noto di aver proceduto a rimpatriare 80 tifosi della Roma in traghetto, “in quanto considerati pericolosi hooligans”.

LEGGI ANCHE: Conference League, scontri tra tifosi a Tirana: rispediti in Italia 80 “hooligans” della Roma

Andreoni: “Vaiolo delle scimmie a Tirana? Più facile che i tifosi si scambino il Covid”

POLIZIA TIRANA: “ALBANESI STATE LONTANI DA ULTRAS DI ROMA E FEYENOORD”

“Faccio un appello ai cittadini albanesi: state lontani dalle zone dove ci sono i tifosi olandesi e italiani ed evitate le provocazioni“. Così in conferenza stampa il vicedirettore della Polizia di Stato albanese, Albert Dervishi, sulla difficile situazione di ordine pubblico a Tirana, prima della finale di Conference League tra Roma e Feyenoord.

“I tifosi portati in commissariati sono stati trovati in possesso di coltelli, oggetti pirotecnici e barre di ferro – ha detto – Uno dei nostri agenti feriti è stato ferito proprio da una coltellata. Siamo anche in contatto con la Figc affinché questi individui non possano più avere accesso negli stadi. Ai cittadini italiani e olandesi faccio un altro appello: comportatevi come cittadini europei. Qui la legge sarà rigorosamente rispettata, e non obbedire agli ordini della polizia e resistere agli attacchi alle forze dell’ordine sono reati che secondo la legislazione albanese vanno condannati con una pena fino a sette anni di reclusione. Siamo impegnati ad opporci a ogni atto di violenza, a garantire l’ordine e la sicurezza e il normale svolgimento della partita di questa sera”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-25T14:57:09+02:00