Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ddl Zan, nuovo scontro tra Pd e Lega per le 170 audizioni in commissione Giustizia

DDL_ZAN_MILANO
Il presidente della commissione Andrea Ostellari (Lega) fissa 170 audizioni sul disegno di legge contro l'omotransfobia e scatena la reazione del Partito democratico: "È una presa in giro"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Riprende la discussione in commissione Giustizia al Senato del ddl Zan contro l’omotransfobia e si riaccendono le polemiche tra il Pd e il presidente della commissione Andrea Ostellari, della Lega. Ostellari ha infatti fissato 170 audizioni, tra cui quelle del presidente della Regione Calabria Nino Spirlì e di Platinette, scatenando l’ira del Partito democratico. Il promotore e primo firmatario del disegno di legge, il deputato Alessandro Zan, su Twitter parla di “chiaro tentativo di impedire la discussione” e di “evidente forzatura democratica”.

LEGGI ANCHE: Depositate in Senato 500mila firme a sostegno del ddl Zan: “Fare presto”

CIRINNÀ: “UNA PRESA IN GIRO”, OSTELLARI: “CHI HA PAURA DEL CONFRONTO?”

Una tesi sposata anche dalla senatrice dem Monica Cirinnà, prima firmataria della legge sulle unioni civili approvata nel 2016 e segretario della commissione Giustizia. “Un calendario con 170 audizioni è una presa in giro. Questa è la commissione Giustizia, non ‘casa Ostellari’. Ormai il tentativo di affossare il testo in commissione è evidente, andiamo presto in aula senza relatore con la dichiarazione d’urgenza”. Ma Ostellari non ci sta e, tramite un post pubblicato sul proprio profilo Facebook, contrattacca: “Chi ha paura del confronto? Noi no, e siamo pronti a discutere con lealtà di ddl Zan e della proposta del centrodestra – spiega il presidente della commissione -, per tutelare tutte le vittime di discriminazioni e violenza. Giovedì iniziamo con le prime audizioni, che saranno 170 in tutto. Senza confronto non c’è democrazia”.

LEGGI ANCHE: Depositato il testo del centrodestra contro l’omofobia. Zan: “È un insulto ai diritti”

MAIORINO: “AUDIZIONI QUASI TUTTE DI ENTI RELIGIOSI, ORA BASTA: SIAMO UN PAESE LAICO”

“Le audizioni richieste sono 170, e quasi tutte di organizzazioni religiose o sedicenti tali. Questo Paese si chiama Italia, è un Paese laico e democratico dell’Europa occidentale. Ora basta. Andiamo in Aula con l’art. Il Movimento 5 Stelle è pronto”. Lo ha scritto Alessandra Maiorino, senatrice M5S, co-autrice del ddl Zan, su Facebook.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»