Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Taranto arriva la “Pasticceria sociale”, firmato un accordo tra Comune e carcere

pasticceria sociale-min
L'obiettivo è promuovere su scala nazionale i prodotti che verranno realizzati all'interno del nuovo laboratorio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI –  Il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e la direttrice della casa circondariale cittadina Stefania Baldassari hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per dare il via alle attività dedicate allo sviluppo del progetto di “Pasticceria sociale”. L’intesa amplia il laboratorio di pasticceria già esistente nel carcere ionico attraverso lavori di adeguamento dei locali esistenti e dell’impianto elettrico e la realizzazione di un portale per l’e-commerce e l’e-marketing.

L’obiettivo è promuovere su scala nazionale i prodotti che verranno realizzati all’interno del nuovo laboratorio. Il Comune di Taranto ha previsto uno stanziamento pari a 150mila euro per la fornitura di attrezzature e altri 50mila euro per servizi connessi al progetto. “La firma di oggi apre una prospettiva importante per alcuni detenuti ed è l’inizio di una sperimentazione finalizzata al reintegro nel mondo del lavoro e nelle dinamiche della comunità”, ha commentato Melucci. “Tra Comune e Casa Circondariale – ha aggiunto Baldassari – c’è un legame che ha visto una perfetta sinergia in ogni fase della stesura di questo protocollo, soprattutto rispetto alla finalità di questa progettualità finanziata direttamente dal ministero competente. Siamo tutti orientati verso il raggiungimento delle medesime finalità, il miglioramento di questo territorio, ciascuno secondo le proprie competenze”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»