Fase 2, Toti: “I problemi con la burocrazia più gravi del Covid”

"Quando uno non e' capace, puo' copiare da altri Paesi piu' astuti", dice il presidente della Regione Liguria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Per i prestiti garantiti bisognerebbe chiedere a ‘Chi l’ha visto?’. Finora non li ha visti praticamente nessuno. Le regole per accedervi sono talmente farraginose che le persone stanno rinunciando. E’ gravissimo: quando uno non e’ capace, puo’ copiare da altri Paesi piu’ astuti”. Cosi’ il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, a “Mi manda Raitre“. 

LEGGI ANCHE: Spiagge, la rabbia di Toti: “Con queste linee guida impossibile riaprire”

Per il governatore, si tratta di “un problema di burocrazia che e’ piu’ grave del covid-19, un problema di controlli male interpretati che ha reso il nostro Paese non solo ingessato ma anche incontrollabile perche’, come scriveva Tacito, ‘Plurimae leges, corruptissima republica‘. Le banche non si stanno comportando bene in complesso ma le regole che ha dato lo Stato mi sembrano ancora peggio: le troppe regole fanno guadagnare chi sguiscia e non ha nulla da perdere mentre il cittadino onesto, che si metta in coda per farle tutte, non riceve niente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»