fbpx

Chiude a Roma il Congresso della Società Oftalmologica Italiana

ROMA – Grande partecipazione al XVII Congresso internazionale della Società Oftalmologica Italiana che, dopo quattro giornate caratterizzate da contenuti scientifici di alta qualità, si è chiuso al Roma Convention Center ‘La Nuvola’. Tremila le presenze provenienti da tutto il mondo e 480 relatori, che hanno assistito a uno stimolante programma scientifico sui più importanti temi e aggiornamenti del settore oftalmologico.

I TEMI DEL CONGRESSO

A tracciare il bilancio all’agenzia Dire, il presidente della SOI, Matteo Piovella: “Un bilancio molto positivo per questo Congresso 2019- ha commentato- Come Società abbiamo voluto porre l’attenzione sul cambiamento dirompente che ha apportato la chirurgia nel campo dell’oculistica, anche se come specialisti ci confrontiamo con le difficoltà di adozione di queste nuove tecniche”.

Nel corso del Congresso, in particolare, è emerso che “esiste una realtà che coinvolge solo l’1% della chirurgia della cataratta– ha sottolineato Piovella- Sono state quindi messe a fuoco le aree dove bisogna intervenire per andare avanti, cercando tutti insieme di essere un movimento positivo. In questo giorno di chiusura questo è stato ampiamente dimostrato e c’è un attenzione particolare che va nella direzione giusta. Per il 2020 vogliamo porci degli obiettivi importanti e in questa occasione sono state poste delle basi solide. Confido in miglioramenti sempre più importanti”.

Secondo Piovella, infine, il punto “più alto e coinvolgente” di tutto il Congresso è stato rappresentato dalle sessioni della chirurgia in diretta, che “hanno consentito di vedere direttamente l’applicazione delle tecnologie più avanzate a casi concreti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

25 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»