10 buoni motivi per cui allattare, a Bologna incontro con pediatri ed esperti

Il 30 maggio durante il congresso della Società italiana di pediatria (Sip)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Allattare? I pediatri spiegano i dieci motivi per cui “è bello”. Lo faranno in particolare a Bologna, nel contesto del congresso della Società italiana di pediatria (Sip) che si apre giovedì in città: nell’auditorium di San Giovanni in Monte ci saranno due incontri, alle 15 e alle 16.30, per far riflettere sui benefici dell’allattamento al seno dopo una gravidanza. Dopo i saluti introduttivi di Alberto Villani, presidente del Sip, prenderanno parola sette relatori.

I RELATORI 

Arianna Aceti, pediatra e ricercatrice all’Università di Bologna spiegherà i benefici biologici dell’allattamento, e il pediatra Massimo Agosti quelli relazionali. Guglielmo Salvatori, dell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma, elencherà i 10 passi intrapresi dall’Oms per promuovere l’allattamento al seno. Francesca Vitali, del dipartimento di Neuroscienze dell’Alma Mater concluderà parlando dell’importanza del latte per il bambino prematuro. Poi, a fine incontri le pediatre Maria Rosaria Marchili, Giulia Bardasi, Morena De Angelis condivideranno le loro testimonianze di allattamento.

I 10 MOTIVI PER CUI E’ IMPORTANTE ALLATTARE

Primo: la ‘conoscenza’ neonato-mamma. Durante l’allattamento “esiste un linguaggio di sguardi e gesti che si uniscono in una armonia con pochi altri esempi simili in natura”. Secondo (collegato al primo): la complicità. Ma allattare significa anche ‘amore assoluto’ e ‘gioia’. La lista continua con serenità e salute (“poche cose donano salute e positività come l’allattamento”). Decidere di dare il latte materno significa anche creare un momento in cui “madre e figlio sono come avvolti da una nuvola che li protegge e li isola dal contorno”. E infine, sicurezza: “Nessun alimento come il latte materno ha la corretta composizione per far crescere sano e nel giusto modo ogni bambino”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»