Progetto Ue contro rifiuti in mare, in Liguria buoni risultati

GENOVA - Contro i rifiuti marini serve "un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

mare_liguria2

GENOVA – Contro i rifiuti marini serve “un approccio integrato, sia nella gestione che nella prevenzione, che limiti all’origine la dispersione nell’ambiente”. Lo dice Riccardo Podestà, della Liguria Ricerche Spa, oggi a Roma alla presentazione dei risultati di Smile, il progetto finanziato dall’Europa e applicato in Liguria per la gestione dei rifiuti in mare. “In ‘Smile’ ci siamo focalizzati sul coordinamento dell’attività di governance, sulla ricerca sociale e nell’individuazione di possibili soluzioni”, spiega Podesta’.

Il progetto ha riguardato 13mila abitanti di 4 comuni, il 69% a Pietra Ligure (altri a Giustenice, Tovo S. Giacomo, Magliolo), lungo il torrente Maremola di 15 chilometri e con un bacino di 45 chilometri quadrati. L’iniziativa è riuscita perchè si sono sapute coinvolgere tutte le figure: amministrazione pubblica, privati, cittadini, imprese. “Tutti hanno aumentato la loro consapevolezza“, termina Podestà.

mare_liguria3L’azione di Smile si è svolta su più livelli, la prima pratica con l’applicazione di una serie di reti nella zona della foce ma poi anche monitoraggi e controlli. Quindi è stata sviluppata un’app– Trasphic App – per ‘denunciare’ la presenza di rifiuti semplicemente tramite una foto e la geolocalizzazione Gps. E’ stato poi possibile fare segnalazioni anche attraverso un telefono (324.6026182) o sul sito www.life-smile.eu. La prevenzione e la sensibilizzazione delle persone che vivono in zone costiere e’ stata ritenuta molto importante nella gestione del problema. “I risultati di Smile sono davvero ottimi– commenta Giacomo Giampedrone, assessore all’Ambiente della Regione Liguria, presente alla giornata- obiettivo della Regione e’ uscire da una gestione arcaica dei rifiuti e normalizzare il nostro sistema, magari estendendo proprio il progetto Smile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»