Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Covid, Lopalco: “Un’estate senza mascherine? Mi auguro di sì”

“Sars-Cov-2 sarà eliminato? Dubito, ma questo non mi preoccupa. Importante è che non crei più ondate pandemiche”, dice l'epidemiologo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Possiamo pensare a un’estate senza mascherine? Mi auguro di sì. Sarebbe un nuovo 25 aprile”. Lo scrive in un post pubblicato sui social, Pier Luigi Lopalco, epidemiologo e assessore alla Sanità della Puglia facendo una riflessione, nel giorno del 76esimo anniversario della Liberazione di Italia, “su cosa significhi liberarci dalla pandemia”.

La prossima estate sarà per l’Europa (e tutto l’emisfero settentrionale) un test importante: se riusciremo a mettere in sicurezza la popolazione fragile, la circolazione residua del virus non solo sarà accettabile, ma potrebbe persino essere benefica a sostenere una serie di booster (richiami) naturali fra i vaccinati, aiutando l’instaurarsi dell’immunità di popolazione”, spiega l’esperto evidenziando che “negli ultimi mesi il virus è entrato in diverse Rsa dove gli ospiti, tutti fragilissimi, erano vaccinati: si sono contagiati in molti, ma nessuno in forma grave. L’immunità di gregge ha funzionato, anche se il virus ha continuato a trasmettersi. Espandendo il concetto alla popolazione generale, capiamo come il virus possa continuare a circolare in maniera endemica senza fare danni, a patto che la popolazione sia almeno parzialmente immunizzata”.

Sars-Cov-2 sarà eliminato? Dubito- aggiunge – questo non mi preoccupa. Importante è che non crei più ondate pandemiche”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»