VIDEO | 25 aprile, sindaco e giunta cantano Bella Ciao dai balconi del Comune di Napoli

Luigi de Magistris e gli 11 assessori si sono affacciati in piazza Municipio per cantare la canzone simbolo della lotta partigiana al nazifascismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


NAPOLI – “Bella ciao” risuona da palazzo San Giacomo. A partire dalle 15, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e tutti gli undici assessori si sono affacciati dai balconi del Comune in piazza Municipio, dove campeggia il tricolore, per cantare la canzone simbolo della lotta partigiana al nazifascismo. A pronunciare le strofe del canto della festa della Liberazione anche Antonio Amoretti, presidente provinciale dell’Anpi.

LEGGI ANCHE: VIDEO| 25 aprile, Bella ciao in ogni casa: risuona il canto dai balconi d’Italia

“Questa è la casa della città e del popolo di Napoli – ha detto de Magistris -, la casa di quella città che tanto ha dato per la Liberazione. Napoli è stata la prima in Europa a liberarsi da sola dall’oppressione nazifascista durante le Quattro giornate, di cui fu protagonista anche il presidente dell’Anpi Amoretti ad appena 16 anni. Questa è la memoria, l’attualità e il futuro della nostra città che lotterà sempre per i valori della libertà, dell’uguaglianza, della fratellanza e della giustizia”.
Il Comune ha promosso l’iniziativa aderendo all’invito dell’Associazione nazionale partigiani italiani, raccolto dai sindacati Cgil, Cisl e Uil, per il 75esimo anniversario della Liberazione in cui quest’anno, per l’emergenza Covid-19, non si è svolto il consueto corteo nazionale del 25 aprile.

di Elisa Manacorda e Nadia Cozzolino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»