“Il 25 aprile fu il giorno del riscatto per l’Italia”

Gentiloni: "E' dovere di tutti ricordare chi ha combattuto per la nostra libertà contro gli orrori della dittatura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il 25 aprile fu il giorno del riscatto dell’Italia. E’ dovere di tutti ricordare chi ha combattuto per la nostra libertà contro gli orrori della dittatura. Un pensiero speciale oggi a Giorgio Napolitano, protagonista della Repubblica. Forza Presidente!”. Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deposto una corona d’alloro all’Altare della Patria

Casellati: “Una giornata nella quale è giusto ricordare quanti per quella stessa libertà hanno sacrificato la loro vita”

“Il significato del 25 aprile è ancora straordinariamente attuale. E’ una data che ha restituito la libertà al nostro Paese, ma è anche una giornata nella quale è giusto ricordare quanti per quella stessa libertà hanno sacrificato la loro vita”. Così il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, in una intervista a Senato Tv in occasione del 73° anniversario della Liberazione che si celebra oggi.

“Tutte le storie- aggiunge il Presidente Alberti Casellati-, tutte le vicende di quella pagina fondamentale per l’Italia repubblicana rappresentano un patrimonio comune della memoria da trasmettere alle nuove generazioni. E’ accaduto così anche nella mia famiglia. Mio padre, condannato a morte per il suo antifascismo, venne liberato proprio il 25 aprile 1945. I suoi principi e i suoi valori di riferimento, nel segno e nel sogno della libertà, sono stati gli insegnamenti che hanno sempre ispirato la mia vita e la mia attività politica e professionale. Nel rispetto delle idee altrui e con l’obiettivo di perseguire il bene comune”.

Fico: “Resistenza punto di riferimento irrinunciabile”

“La Resistenza rappresenta per tutti noi un punto di riferimento irrinunciabile nella vita democratica del Paese: è in questa pagina fondamentale della nostra storia che ogni cittadino italiano può infatti ritrovare le radici della Repubblica e della Carta costituzionale”. Lo dice il presidente della Camera, Roberto Fico, nel 73esimo anniversario della Liberazione.

“Il 25 aprile- aggiunge- è una data molto importante per la nostra comunità di cittadini. Il giorno in cui rendere il doveroso omaggio alle donne e agli uomini che offrirono la propria vita per la liberazione dell’Italia dall’occupante tedesco e per la riconquista della libertà e della democrazia dopo la dolorosa fase del nazifascismo”.

“Sono certo che questo grande patrimonio ideale- dice ancora Fico- debba poter continuare ancora oggi a esprimersi in tutta la sua pienezza, richiamando le giovani generazioni ai valori della pace e della solidarietà così come sostenere nuove forme di liberazione e di riscatto della nostra società. Libertà da una politica autoreferenziale e lontana dalle vere esigenze dei cittadini; dalle scorciatoie della corruzione e degli abusi di potere che soffocano lo sviluppo; da ogni forma di degrado sociale ed ambientale che umilia la nostra comunità”.

“È in questo modo che il nostro Paese deve dimostrare di aver tratto insegnamento dal suo passato e di saper onorare la memoria di quanti, anche a prezzo della vita, ci hanno consegnato gli ideali di una società realmente libera e democratica”, conclude il presidente della Camera.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»