Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

25 aprile, Mattarella: “E’ sempre tempo di Resistenza”

Mattarella ha celebrato la Liberazione a Varallo Sesia, tra le prime sedi di una Repubblica Partigiana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

mattarella varallo sesia

ROMA  – Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha celebrato la Liberazione a Varallo Sesia, una tra le prime sedi di una Repubblica Partigiana. “Tra questi monti e valli, con il sacrificio del sangue e’ stata scritta la parola liberta’”, ha commentato. E ha aggiunto: “E’sempre tempo di Resistenza”. Ovunque ci sono tirannia e dittatura “li’ vanno affermati i valori della resistenza”.”C’e’ motivo di festa oggi per la rifondata identita’ nazionale italiana e quella europea. Una una festa che appartiene a tutti gli italiani amanti della liberta’“.

“E’ sul 25 aprile, su questa data che si fonda la nostra repubblica, nel percorso arduo ed esigente che va dall’8 settembre 1943 alla liberazione”, ha ricordato. “La Resistenza interpretava il sentimento del Paese, che ancora prima che politico, era la consapevolezza della comune appartenenza al genere umano. La ribellione all’orrore delle stragi, delle leggi razziali e della persecuzione degli ebrei. La resistenza era cosi’ nel cuore degli italiani prima che nel loro impegno”.

LEGGI ANCHE

25 aprile, la Liberazione dal nazifascismo 71 anni dopo

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»