Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Assemblea capitolina, silenziato il pc di Ficcardi: “Chiesti chiarimenti a Microsoft”

ficcardi
La seduta è stata sospesa dopo il misterioso silenziamento. De Vito ha spiegato alla Dire: "Ho disposto che L'Assemblea Capitolina chieda una verifica al fornitore Microsoft"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Forse è stato solo un errore. O forse un dispetto. Fatto sta che le sospette e ripetute interruzioni ai danni della consigliera Simona Ficcardi, ex grillina passata recentemente al gruppo dei Verdi, mentre parlava oggi in Assemblea capitolina dal suo Pc di casa, non sono passate inosservate. E ora il presidente dell’aula, Marcello De Vito, ha “chiesto a Microsoft di avviare una verifica” per capire chi è stato il colpevole. 

L’incidente, o sabotaggio, subito dalla passionaria ambientalista, è avvenuto questo pomeriggio mentre Ficcardi stava letteralmente urlando contro la maggioranza del M5s. In quel momento era in corso la fase della discussione generale su una delibera molto delicata, quella contenente il piano di risanamento di Ama, quello di ristrutturazione, quello industriale, la ricapitalizzazione e l’approvazione dei bilanci 2017, 2018 e 2019 dell’azienda capitolina. Mentre Ficcardi stava criticando la maggioranza del M5s sulla scelta della discarica di Monte Carnevale, improvvisamente, la sua voce sparisce. Poi ritorna per andarsene nuovamente, poco dopo. Le parole della consigliera non arriveranno mai a destinazione. Lo sfogo resta nel volto, tirato, mentre Ficcardi prosegue il suo intervento. 

La situazione, però, non è sfuggita a De Vito che, in diretta, interviene rivolto a Ficcardi. “Le è stato disattivato il microfono, non so come, non so da chi- dice- Nessuno tocchi i microfoni di Ficcardi”. 
L’audio, allora, torna misteriosamente. Ficcardi è una furia: “Mi disattivano il microfono perché hanno paura di quello che dico-urla- Si devono solo vergognare su Monte Carnevale.  Vergognatevi”. De Vito aggiunge: “Nessuno si deve permettere di non far parlare una collega”. 

LEGGI ANCHE: Rifiuti Lazio, arresti domiciliari per la dirigente Flaminia Tosini e Valter Lozza

La seduta, dopo l’incidente in questione, viene sospesa per una capigruppo che dura circa un’ora. De Vito, subito dopo, spiega alla Dire: “Ho disposto che L’Assemblea Capitolina chieda una verifica al fornitore Microsoft. Abbiamo anche provveduto di chiedere a Microsoft di modificare i comandi del sistema informatico affinché solo io e i membri dell’ufficio di presidenza possano disattivare un microfono”. E poi, in aula: “quello che è successo è una cosa inacettabile. Abbiamo chiesto al fornitore di verificare”. 

I lavori sono poi ripresi, tra le tante dichiarazioni di solidarietà a Ficcardi dei consiglieri presenti e l’avvio delle votazioni sui circa 50 ordini del giorno e i 70 emendamenti alla delibera. Fino a quando Microsoft non farà luce non si potrà dire se quanto successo è stato un errore o un dispetto. Ma di sicuro quello che è seguito è il segno evidente del nervosismo tra grillini ed ex grillini nell’Assemblea Capitolina di Roma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»