Vaccino, Regioni scrivono a Draghi: “Confronto urgente, cambiamo passo insieme”

Oltre alla campagna vaccinale i presidenti delle regioni chiedono di "esaminare nel dettaglio le priorità del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le Regioni chiedono un confronto urgente con il Governo sull’andamento della campagna vaccinale”, lo ha dichiarato il presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Stefano Bonaccini.

“Condividiamo e sosteniamo l’esigenza di velocizzare al massimo la campagna vaccinale, a cominciare da una maggiore e certa disponibilità delle dosi. Un cambiamento di passo si deve realizzare, ma devono farlo insieme Governo e Regioni. Per questo- ha aggiunto Bonaccini- chiediamo un incontro urgente con l’Esecutivo, pronti ad un confronto a 360 gradi su ogni esigenza per individuare tutti i percorsi possibili per garantire al meglio il rispetto dei tempi ed il raggiungimento degli obiettivi prefissati”.

“Ho inviato- ha concluso Bonaccini- una lettera al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, perché possa aver luogo nel più breve tempo possibile un incontro con il Governo che permetta da un lato di fare il punto sulla campagna vaccinale, dall’altro di esaminare nel dettaglio le priorità del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) che il Governo si appresta a presentare alla Commissione europea, verificando ogni sinergia possibile con le Regioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»