Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Amatrice, morto a 70 anni il sindaco Antonio Fontanella

Sabato era stato colpito da un'ischemia ed era stato trasportato in eliambulanza al policlinico Gemelli.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È morto oggi, all’età di 70 anni, il sindaco di Amatrice, Antonio Fontanella. Sabato era stato colpito da un’ischemia ed era stato trasportato in eliambulanza al policlinico Gemelli. A darne notizia è l’amministrazione comunale del reatino: “Con profondo dolore il Consiglio e l’Amministrazione Comunale comunicano che l’amico Sindaco Antonio Fontanella, purtroppo, è venuto a mancare in seguito alle conseguenze del malore che lo aveva colpito lo scorso sabato. Esprimiamo le più sentite condoglianze alla famiglia”. Fontanella era stato eletto sindaco il 27 maggio del 2019 succedendo a Sergio Pirozzi, attuale consigliere alla Regione Lazio.

“Sono vicino alla famiglia del sindaco Fontanella e alla sua comunità, già tanto provata dal terremoto, ora privata di una guida autorevole. Ricorderò sempre la dedizione e l’impegno di Antonio per la ricostruzione di Amatrice, un lavoro del quale sentiremo la mancanza anche nel coordinamento dei sindaci costituito in Anci”. E’ quanto dichiara Antonio Decaro, presidente dell’Anci e sindaco di Bari dopo aver appreso la notizia della morte del sindaco di Amatrice, Antonio Fontanella.

“E’ con profondo cordoglio che apprendo della morte del Sindaco di Amatrice, Antonio Fontanella. Un uomo delle Istituzioni, dedito con passione alla cura della sua comunità. Ho avuto modo di confrontarmi con lui in questi anni, anche e soprattutto per far fronte alle esigenze del territorio dopo il terremoto. Alla famiglia e ai cittadini di Amatrice le mie sincere condoglianze.” Così in una nota il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»