Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caos vaccini in Lombardia, Aria: “Errori anche da Asst, Poste non strutturata”

Il nuovo amministratore unico di Aria, Lorenzo Gubian, difende l'operato della società partecipata al 100% dalla regione Lombardia e annuncia di valutare la richiesta di penali ai fornitori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Maria Laura Iazzetti

ROMA – “Ci sono stati dei disguidi, ma erano legati alla complessità della partita”. In commissione Bilancio di regione Lombardia, il nuovo amministratore unico, Lorenzo Gubian prova a difendere l’operato di Aria nella gestione delle prenotazioni per le vaccinazioni anti-covid. I malfunzionamenti sono stati diversi e la giunta lombarda per voltare pagina ha azzerato il Consiglio di amministrazione di Aria, che dopo l’invito del presidente Attilio Fontana si è dimesso. Per completare la campagna di inoculazione Palazzo Lombardia ha ripiegato sul sistema messo a punto da Poste Italiane (che dovrebbe essere attivo dall’inizio di aprile). Sistema scartato inizialmente perché non garantiva “la modalità a inviti”, che invece la Regione ha selezionato per organizzare l’inoculazione degli over 80. In più, come spiega Gubian, “il sistema di Poste non aveva la gestione del magazzino e l’anamnesi registrata in modo strutturato”.

L’ex direttore generale di Aria, nella bufera da giorni, si difende e cerca di distribuire le colpe. “Parecchie volte le Asst hanno fornito date di attivazione sbagliate con fasce orarie più larghe o più strette. Perciò si è verificato il sovraffollamento”, rivela. Li chiama “errori materiali”: “Se dicono che un centro è attivo dalle 8 alle 16 e invece è aperto dalle 8 alle 12, è chiaro che si creano delle code”, sottolinea. Anche i disguidi dello scorso weekend nei centri di Como e Monza deriverebbero, per l’amministratore unico, da problemi interni al Centri unici di prenotazione. Non, quindi, direttamente da Aria.

Secondo Gubian i problemi legati al funzionamento del portale e ai ritardi accumulati, sono dipesi da due componenti: la disponibilità dei vaccini e il numero dei centri vaccinali. “Abbiamo lavorato con 200 centri e migliaia di ambulatori. In questi numeri l’errore zero è impossibile, stiamo lavorando per migliorare”, spiega il nuovo amministratore di Aria. Gubian ripete più volte che le decisioni prese in riferimento alla campagna sono state concordate con l’assessorato al Welfare, durante le riunioni dell’Unità di crisi. “I rischi sono stati valutati e pur di iniziare la campagna si è accettato che i tempi fossero stretti. Ci sono stati disguidi, ma ricordiamo che sono state fatte 1.300.000 dosi“, dice Gubian.

CAOS ARIA, REGIONE LOMBARDIA VALUTA PENALI AI FORNITORI

Cautela perchè gli errori vanno dimostrati. Ma la controffensiva di Aria- la società di Regione Lombardia nella bufera da giorni per il caos delle prenotazioni dei vaccini- potrebbe scaricarsi anche sui fornitori, a cui si sta valutando di richiedere le penali di norma previste nei contratti in caso di mancato rispetto degli impegni. Lo ha chiarito in commissione Bilancio l’amministratore unico della società pubblica azzerata dal governatore Fontana, Lorenzo Gubian. Penali? “Stiamo interloquendo per applicarle”.

Per gestire il portale che permetteva di registrare le adesioni e le prenotazioni delle vaccinazioni anti-covid 19 in Lombardia Aria si è affidata a diverse società esterne, ha chiarito Gubian rispondendo ai consiglieri regionali. “In alcuni casi si trattava di contratti esistenti”. Gubian spiega che il sistema messo in piedi da Aria è diviso in tre parti: il portale, la parte che riguarda gli inviti e la parte dell’organizzazione delle somministrazioni. “Per la parte portale ci siamo affidati a ‘Reply’ che si appoggia al nostro datacenter ‘Almaviva’. Sulla parte inviti abbiamo ‘Maps’ e ‘Artexe’ (società controllate da Tim già menzionate dall’assessore Davide Caparini, ndr), per la parte somministrazione abbiamo ‘Engineering’. Questi sono i fornitori”, dice Gubian.

Sottolinea, nuovamente, l’amministratore unico di Aria, che non si può parlare di “inadempienze” perché sono state somministrate 1.300.000 dosi. Sulle risorse che Regione Lombardia ha concesso ad Aria per la produzione e gestione del sistema (circa 22 milioni di euro), Gubian chiarisce di “non averli spesi tutti” e annuncia che ne verranno “spesi sicuramente molti meno” visto che subentrerà Poste.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»