Vaccino, Brunetta: “Introdurre obbligatorietà se falle serie tra operatori sanitari pubblici”

“Spero che tutti si vaccinino", ha detto il ministro della Funzione Pubblica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Spero che tutti si vaccinino. Se ci dovessero essere delle falle serie, soprattutto fra gli operatori sanitari, dovremmo pensare di introdurre una obbligatorietà”. Così il ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta a Alessandro Banfi nel corso dell’intervista per “10alle5 Quotidiana” riguardo l’importanza della vaccinazione degli operatori sanitari pubblici.

Brunetta prosegue: “Questa volta ho completamente rivoluzionato la visione: abbiamo bisogno di risposte straordinarie per un momento straordinario. Ci sono i soldi, le risorse del Recovery Plan europeo. Dobbiamo cambiare completamente prospettiva, attraverso la riforma della Pubblica Amministrazione e questo è il momento giusto”. I perché sono chiari al ministro: “Non possiamo più continuare nel degrado, nell’abbandono, nell’abbattimento. E’ il tempo dell’orgoglio, della qualità, di far entrare giovani competenti, bravi e specializzati, per rinnovare l’amministrazione dello Stato”. E a chi critica l’accordo raggiunto con i sindacati per i dipendenti pubblici senza aver pensato prima alle partite IVA Brunetta risponde: “Non si può pretendere l’attaccamento, la dedizione, la qualità del personale pubblico che deve offrire servizi a tutti, se non scommettiamo su questo personale, se non investiamo su di esso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»