Il Credito sportivo sospende le rate dei mutui fino al 30 settembre

Non comporterà costi aggiuntivi per il cliente e potrà riguardare sia l'intera rata, comprensiva di capitale e interessi, sia la sola quota capitale, con il pagamento degli interessi alla scadenza prevista
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’Istituto per il Credito sportivo accoglie la richiesta di aiuto dei propri clienti, in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus, e sospende il pagamento delle rate dei mutui in scadenza da marzo a settembre 2020. L’impegno dell’Ics ha l’obiettivo di sostenere le attività imprenditoriali che stanno subendo danni per colpa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, a eccezione degli Enti locali e delle grandi imprese.

“Questo impegno- spiegano dall’Ics guidato da Andrea Abodi- rappresenta, tanto più adesso, il cuore della missione pubblica dell’Istituto di banca sociale per lo sviluppo sostenibile dello Sport e della Cultura al servizio del Paese”. La sospensione, in linea con quanto previsto dal Decreto 18 del 2020, non comporterà costi aggiuntivi per il cliente e potrà riguardare sia l’intera rata, comprensiva di capitale e interessi, sia la sola quota capitale, con il pagamento degli interessi alla scadenza prevista. Chi potrà beneficiare della misura? Tutti i clienti le cui esposizioni debitorie non siano classificate come esposizioni creditizie deteriorate (che verranno invece valutate caso per caso) ai sensi della disciplina applicabile agli intermediari creditizi. Le richieste di sospensione dovranno essere inoltrate all’indirizzo di posta elettronica dedicato – sospensionecovid@creditosportivo.it – attraverso l’apposito modulo scaricabile sul sito web dell’Istituto: www.creditosportivo.it. Per agevolare la procedura e supportare i clienti è stato creato un gruppo di lavoro che potrà essere contattato al numero verde 800608398 o alla mail: infoemergenzacovid19@creditosportivo.it.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»