Commercio in difficoltà per il Coronavirus? L’aiuto di promettoditornare.it

Un sito in cui si possono acquistare buoni sconto per quando tutte le attività saranno riavviate
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un’idea che parte dal basso, da due giovani volenterosi, uno spunto nato da un’iniziativa per aiutare degli amici in difficoltà. Amici commercianti, costretti come tanti a chiudere l’attività dopo i tanti decreti governativi, decisi per fronteggiare l’avanzata del coronavirus. Nasce così promettoditornare.it, un portale che vuole supportare locali e negozi acquistando un coupon o uno sconto da utilizzare ad emergenza finita.

“Tutto nasce da una conversazione con il mio amico Domenico questi giorni- racconta Raffaele, uno degli ideatori del progetto, all’agenzia Dire- mi ha detto che un suo amico sotto casa è stato costretto a chiudere la propria attività e per aiutarlo gli ha fatto un bonifico di 200 euro”. Quindi perché non estendere questa idea anche a tutte le altre attività? “Ho pensato che tutti i negozi hanno tanti clienti fidati, ho detto perché non mettere a disposizione di chiunque una mappa dove si vanno a inserire attività ora chiuse e che vogliono vendere coupon in anticipo o un buono sconto? Si tratta di una sorta di obbligazione, anche se è un rischio perché un ristorante può chiudere dopo un mese”.

Un ristorante può fare uno sconto su una cena, un negozio può farlo su un articolo che mette in vendita: “Qualsiasi attività ora chiusa si può iscrivere, verifichiamo che si tratti del titolare, chiediamo anche di condividere il progetto sui social”. 

Positivi i riscontri avuti appena aperto in rete il sito: “In poco più di due giorni, abbiamo iniziato domenica scorsa, abbiamo raggiunto 10mila utenti unici, 11mila visualizzazioni su mappa e contiamo di arrivare a giorni mille negozi registrati. Ora siamo a un centinaio”. Raffaele e Domenico, un salentino e un calabrese che si sono conosciuti a Milano per lavoro, sviluppano il portale con le loro competenze: “Lavoriamo nel mondo digitale, siamo due ex colleghi. Io vivo a Milano- spiega Raffaele- Lavoro in un’azienda che privilegia lo smart working, lo facciamo già da fine febbraio. Lavorare da remoto ti porta a non spendere, a risparmiare dalla pausa pranzo al ristorante. Però non è affatto facile”. Tornando a promettoditornare.it, “oltre alle 100 attività registrate, abbiamo altre 150 richieste che stiamo valutando. Si tratta di attività sparse in tutta Italia, più a Milano e Roma, altre in Puglia, Toscana, Bologna. Ci hanno contattato anche delle vere e proprie catene ma stiamo aspettando, vorremmo dare possibilità a piccole realtà, a titolari di imprese a conduzione familiare. Ora i ristoranti sono chiusi, l’unica cosa che possono fare è accettare un trasferimento di denaro. Magari trovano un accordo su uno sconto, per esempio il 25%”. Mediamente “l’importo è basso, sono 20, 30 euro. Sconto è in media tra il 10 e 20%. È il piu delle volte l’acquisto di uno sconto futuro. Consente al commerciante di avere liquidità”. Secondo delle stime fatte, un’attività commerciale “può stare fino a 3 settimane senza ricavi. Dopo, sa già che a fine anno sarà in perdita. L’idea è rattoppare il più possibile un periodo senza ricavi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»