Agricoltura, ok a piano olivicolo nazionale, Di Gioia: “Più tutele per il nostro settore”

BARI - “Un risultato atteso a tutela di un settore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ulivi abruzzo pugliaBARI – “Un risultato atteso a tutela di un settore determinante per il nostro sistema agricolo e, più in generale, della nostra economia. E’ uno strumento a supporto del comparto olivicolo vessato, più di altri in questo momento, anche dai pesanti provvedimenti dell’UE relativi alle importazioni di olio tunisino”. Lo dichiara l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leo Di Gioia, al termine dell’odierna Conferenza delle Regioni, che ha dato assenso al primo Piano Olivicolo Nazionale (PON), così come già annunciato dal ministro Maurizio Martina.

   “Si tratta di 32 milioni di euro – fa sapere Di Gioia – per la riorganizzazione del settore, insieme alle risorse stanziate dal nostro Psr 2014-2020, dedicati alla promozione dei prodotti agroalimentari, al miglioramento dell’intera filiera olivicola, dalla produzione alla trasformazione. Saranno, dunque, sostenute attività per raggiungere maggiore produzione dei settori olivicolo e oleario, attraverso il rinnovamento degli impianti e l’introduzione di nuovi sistemi colturali sostenibili. Senza dimenticare il sostegno ad attività di ricerca per la difesa e valorizzazione della biodiversità, ovvero delle varietà olivicole”.
Il PON è un passo importante – conclude – che consentirà, specie ai nostri produttori, di difendere la qualità, di attivare una serie di iniziative per posizionare al meglio i nostri prodotti, di rafforzare l’intera filiera e dare respiro a un settore che, in Puglia, più che in altre Regioni d’Italia, è sofferente ma decisivo per l’economia pugliese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»