Musica e balli a Roma di notte, residenti: “Denunciamo ma nulla”

assembramenti_tor_pignattara
La denuncia arriva da Tiziana Costa, attivista del circolo Giorgia Meloni nel V Municipio di Roma a nome di molti altri residenti della zona di Torpignattara
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il coprifuoco causa coronavirus non vale in alcuni quartieri della Capitale? La denuncia arriva da Tiziana Costa, attivista del circolo Giorgia Meloni nel V Municipio di Roma a nome di molti altri residenti della zona di Torpignattara. All’Agenzia Dire, la militante vicina a Fratelli d’Italia racconta che in un’area di verde abusivo del quartiere, dove affacciano alcuni condomini, ogni domenica – dal pomeriggio fino a notte inoltrata – si odono schiamazzi, risa e musica a tutto volume udibili fino ai piani alti delle palazzine. È dal 25 Aprile 2020, quindi dal primo lockdown – spiega- che ogni domenica in quel prato alla fine di via Antonio Da Castello, nella periferia romana, si ripete lo stesso tipo di assembramento con musica e balli oltre le 22, nonostante le ripetute segnalazioni ai Vigili di zona e chiamate al 112.

Tiziana ha anche girato dei video domenica scorsa: stremata perché non riesce a dormire, riprende lo schiamazzo. Nella voce di sottofondo ad uno dei video si sente: “Sono le due di notte…” “La cosa sta diventando davvero impegnativa- dice alla Dire l’attivista del circolo Meloni del V Municipio- questo avviene tutte le domeniche pomeriggio. Iniziano di media intorno all’una, perché mangiano insieme, e vanno avanti sino alla mattina alle 4-5. Mi è capitato anche di alzarmi alle 6 e trovarli ancora lì. Dal 25 aprile scorso, per tutte le domeniche, non hanno mai smesso. I Vigili in media avranno una decina di chiamate dall’anno scorso a oggi. Quelle persone si mettono su quel prato e chi abita intorno li vede. Io personalmente ho anche chiamato il 112. Purtroppo la chiamata l’hanno girata ai Vigili competenti che ci rispondono ogni volta ‘Mandiamo una macchina’, e puntualmente l’assembramento si ripete. Ci dicono ‘mandiamo la macchina’ e poi non succede nulla. Su quel prato, ogni domenica, un gruppo di persone si raduna con musica, birra, balli e urla. Non ne possiamo più. Ma il coprifuoco per loro non vale?”.

Tiziana aggiunge: “Abbiamo fatto la segnalazione assieme alla presidente del Circolo Monica Pietropaolo, ne ho fatte io personalmente. So che ci sono state altre segnalazioni dal mio condominio, ha chiamato anche mia madre. Evidentemente i vigili avranno altre faccende a cui pensare. L’ultima segnalazione l’ho fatta questa domenica tramite l’app del Comune di Roma ‘Io segnalo’. Tramite Facebook abbiamo fatto arrivare la questione anche al presidente del Municipio Giovanni Boccuzzi (M5s). Che altro dobbiamo fare? Qui la notte non si dorme e la pubblica sicurezza non è garantita. Dalle 22, noi a casa, e loro no. Le regole non valgono per tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»