Scontro Pd-Lega su restrizioni Pasqua, Zingaretti: “Salvini rispetti linea Governo”

Salvini:"Mi rifiuto di pensare ad altre settimane o mesi di chiusura e paura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Botta e risposta tra Matteo Salvini e Nicola Zingaretti in vista del nuovo dpcm valido fino al 6 aprile, le cui restrizioni varranno perciò anche durante la Pasqua. “Sindaci di tutti i colori chiedono di riavviare alcune attività economiche, sociali e imprenditoriali che non comportano alcun rischio. Mi rifiuto di pensare ad altre settimane o mesi di chiusura e paura. Se ci sono situazioni a rischio si intervenga a livello locale, parlare gia’ oggi di una Pasqua chiusi in casa mi sembra irrispettoso per gli italiani”, dichiara Matteo Salvini, parlando con i cronisti fuori dal Senato.

LEGGI ANCHE: Scuole chiuse, ristoranti aperti: la proposta delle Regioni non piace al Governo

Non tarda ad arrivare il commento del segretario del Pd.  “Vedo che, sulla pandemia, Salvini purtroppo continua a sbagliare e rischia di portare fuori strada l’Italia. Prima sono state le mascherine, che erano inutili, ora, cavalcando la stanchezza di tutti, si attaccano le regole per la Pasqua. Quello che è irrispettoso per gli italiani e gli imprenditori è mettere a rischio le loro vite e prolungare all’infinito la pandemia e quindi la possibilità di avere la ripresa economica”, dichiara Zingaretti. “Buon senso e coerenza – aggiunge- è avere una linea indicata dal Governo e rispettarla. Così si sta in una maggioranza e si danno certezze alle persone. I problemi si risolvono, non si cavalcano”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»