Ngozi va al Wto: l’Africa aspetta e spera

Sarà la prima donna e la prima africana in questo ruolo, ma attenzione: non è detto sia una garanzia di successo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nelle uscite pubbliche indossa quasi sempre copricapo e “boubou”, il caftano che scende fino alle caviglie. Un omaggio alle radici nigeriane, da vera principessa Igbo, che Ngozi Okonjo Iweala mostra con eleganza a Washington come a Ginevra. In tanti la chiamano già “lady di ferro”: dopo essere stata più volte ministro delle Finanze del suo Paese e aver lavorato 25 anni alla Banca mondiale, lunedì assumerà l’incarico di direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (Omc/Wto). Sarà la prima donna e la prima africana in questo ruolo, ma attenzione: non è detto sia una garanzia di successo.

Il Wto nacque nel 1995, quando trionfava il neoliberismo post-Guerra fredda. Doveva favorire l’apertura dei mercati internazionali ma lo ha fatto con doppi standard, beneficiando le multinazionali più dei lavoratori e osservando la progressiva diminuzione della quota dell’Africa sugli scambi mondiali (oggi solo il 2 per cento). Ora, con il via libera degli Stati Uniti, tocca a Okonjo Iweala. Per capire se sia una buona notizia bisognerà aspettare almeno un po’. Per dire: i Paesi ricchi continueranno a imporre dazi e a sussidiare le loro aziende di agribusiness pretendendo poi di esportare beni e servizi dappertutto? Una lettura l’ha proposta il blog ‘Africa is a country’, con un articolo intitolato Black Faces in High Places‘: bene una “nera” alla guida, purché non sostenga le politiche che per decenni hanno aggravato disuguaglianze e ostacolato sviluppo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»