Coronavirus, adesso la Lega vuol chiudere il Parlamento

L’editoriale di Nico Perrone per DireOggi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

«Bisogna chiudere il Parlamento, sospendere i lavori di Camera e Senato fino a quando non cessa l’emergenza coronavirus». È la richiesta venuta dai parlamentari della Lega perché molti di loro vivono nelle zone contagiate. Al momento sia il Senato che la Camera dei Deputati adotteranno misure di prevenzione: all’entrata verrà misurata la temperatura. Ma quello che va registrato, dopo le polemiche delle ultime ore, è la tregua che scatterà domani tra tutte le forze politiche, di maggioranza e opposizione. Stasera la Camera voterà la fiducia sulle intercettazioni, provvedimento contestato dalla Lega che ha messo in atto un forte ostruzionismo. Vista l’emergenza sanitaria, e soprattutto i contraccolpi che arriveranno sul versante economico, le forze politiche domani convergeranno sugli aiuti alle zone colpite dall’epidemia. Stasera è già stato convocato il Consiglio dei ministri che metterà a punto un decreto con tutte le misure necessarie. Decreto che verrà messo in discussione già domani con procedura d’urgenza e sul quale ci si aspetta unanimità. Per quanto riguarda il confronto sui temi politici, questi sono scomparsi. Si parla solo di coronavirus, ma anche su questo tema, dove si è visto il leader della Lega, Matteo Salvini, attaccare a più riprese il presidente del Consiglio, proprio Conte ha replicato duro, parlando di falla nel sistema sanitario lombardo, che la Lega da sempre considera primo al mondo. L’accenno a quanto accaduto negli ospedali regionali, che non hanno saputo per tempo riconoscere i contagiati, hanno scatenato le ire del Governatore della Lombardia e del suo assessore alla Sanità. Detto questo, tra i parlamentari di ogni schieramento c’è forte preoccupazione per quanto accadrà alla nostra già debole economia. Già i dati di crescita erano minimi, ora si teme che la botta virale ammazzi la piccola crescita prevista. A livello internazionale, infatti, l’Italia sta diventando il Paese infetto, e così fioccano disdette in ogni campo. Di qui l’appello alla responsabilità, a fare unità per la ripartenza in tempi brevi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»