Ricciardi: “In Italia nessuna epidemia, solo due focolai epidemici”. Ecco le differenze

Conte: "L'Italia è un paese sicuro. Noi confidiamo di poter subito raggiungere un risultato contenitivo del contagio da coronavirus"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Quanto è grave la diffusione del coronavirus in Italia? Secondo Walter Ricciardi, consigliere del governo per le relazioni con l’Oms, la situazione è sotto controllo e parlare di epidemia non è corretto.

I contagi, infatti, provengono tutti da due zone, quella di Codogno in Lombardia e quella di Vo Euganeo in Veneto. Per questo motivo il termine che va utilizzato è quello di ‘focolai epidemici’ e non di ‘epidemia’.

Lo sforzo della autorità, infatti, in questo momento è mirato ad evitare che “i due focolai epidemici si trasformino in epidemia”, spiega Ricciardi.

CONTE: “ITALIA PAESE SICURO, RESTRIZIONI IN AREE DELIMITATISSIME”

Il concetto viene ribadito anche dal premier Conte in conferenza stampa: “L’Italia è un paese sicuro, forse molto più sicuro di altri. Noi confidiamo di poter subito raggiungere un risultato contenitivo del contagio da coronavirus. L’italia è un paese sicuro, nel quale si può viaggiare e si può venire a fare del turismo. Ci sono delle aree delimitatissime del nostro territorio che in questo momento abbiamo assoggettato a delle restrizioni, ma sul resto del territorio si può viaggiare tranquillamente”.

LA DIFFERENZA TRA FOCOLAIO EPIDEMICO, EPIDEMIA E PANDEMIA

Una precisazione simile era arrivata ieri dall’Oms che, in riferimento alla regione cinese di Wuhan, ha detto che si è passati da una situazione di focolaio a una di epidemia, ma è “ancora prematuro e sbagliato parlare di pandemia”.

Ma quali sono le differenze tra focolaio epidemico, epidemia e pandemia? Ecco le definizioni messe a disposizione dall’Istituto Superiore di Sanità per una corretta infromazione:

Focolaio epidemico

Si parla di focolaio epidemico quando una malattia infettiva provoca un aumento nel numero di casi rispetto a quanto atteso all’interno di una comunità o di una regione ben circoscritta, come sta accadendo in questi giorni in alcune aree del Nord Italia con il SARS-CoV-2. Per individuare l’origine di un focolaio è necessario attivare un’indagine epidemiologica dell’infezione tracciando una mappa degli spostamenti delle persone colpite.

Epidemia

Con il termine epidemia si intende la manifestazione frequente e localizzata – ma limitata nel tempo – di una malattia infettiva, con una trasmissione diffusa del virus. L’epidemia si verifica quando un soggetto ammalato contagia più di una persona e il numero dei casi di malattia aumenta rapidamente in breve tempo. L’infezione si diffonde, dunque, in una popolazione costituita da un numero sufficiente di soggetti suscettibili. È questa per il momento la situazione di Wuhan e della regione dell’Hubei in Cina, dove il grande numero di casi di infezioni da SARS-CoV-2 non può più essere considerato un focolaio.

Pandemia

La pandemia è la diffusione di una malattia in più continenti o comunque in vaste aree del mondo. L’OMS definisce cinque fasi di una pandemia: in ordine la fase interpandemica, la fase di allerta, la fase pandemica, la fase di transizione prima di ritornare alla fase interandemica. La fase pandemica è caratterizzata da una trasmissione alla maggior parte della popolazione. Al momento secondo l’Oms quella da SARS-CoV-2 non è una pandemia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»