Coronavirus, Borrelli fa il punto: “Contagiati 283, sette morti, una persona guarita”

Ricciardi (Oms): "Alle persone sane le mascherine non servono a niente"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA  – Sono 283 le persone contagiate, 7 i morti e un guarito da coronavirus. Lo dice il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, in conferenza per fare il punto sull’epidemia di coronavirus. 

L’incremento dei contagiati rispetto a ieri è di 54 unità, spiega Borrelli.

LEGGI ANCHE: No, il coronavirus non è una semplice influenza: la fondazione Veronesi spiega perché

In Lombardia ci sono 212 contagiati da coronavirus, 40 più di ieri, e 6 deceduti. In Veneto 38 contagi, 5 più di ieri, e una persona deceduta. In Emilia Romagna 23 casi positivi, cinque più di ieri. In Piemonte tre casi come ieri, lo stesso per il Lazio (3 casi, di cui un guarito). In Toscana due casi, in Sicilia un altro caso che riguarda una signora risultata positiva proveniente dalla Lombardia. Sono ancora in corso le verifiche dell’Iss.

IL DETTAGLIO

Per il coronavirus sono stati registrati 101 casi nella provincia di Lodi, 39 a Cremona, 17 nella provincia di Pavia, 14 a Bergamo, 3 a Milano, 2 a Monza, uno a Sondrio. Nel Veneto 30 unità riconducibili al focolaio di Vo’ Euganeo, 7 a Venezia e uno a Treviso. In Emilia Romagna 23 unità: 17 Piacenza, 4 Parma, 1 Modena, 1 Rimini. Tre casi piemontesi tutti a Torino. In Toscana uno a Firenze e uno a Pistoia. Un caso a Palermo in Sicilia e tre casi nel Lazio, tutti a Roma. Si tratta dei due turisti cinesi e il ricercatore guarito.

RICCIARDI: “ALLE PERSONE SANE LE MASCHERINE NON SERVONO A NIENTE”

“Le mascherine di garza, quelle che stanno andando a ruba, alla persona sana non servono a niente”. Lo dice Walter Ricciardi consigliere del governo per le relazioni con l’Oms.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, mascherine e valigie: i deputati si proteggono

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»