Tav, affondo di Tria: “Se non si rispettano patti e leggi nessuno investirà più in Italia”

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print ROMA - "Bisogna capire che nessuno verrà mai a investire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Bisogna capire che nessuno verrà mai a investire in Italia, e c’è tanta liquidità nel mondo, se il paese mostra un governo che cambia e non sta ai patti, cambia le leggi e le fa retroattive. Non è la Tav o un’altra opera o l’analisi costi benefici. Questo è il problema”. Lo dice il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, nel corso dell registrazione di Quarta Repubblica su Rete 4, intervistato da Nicola Porro.

“AUMENTO IVA FOLLIA, NON LO FAREMO”

Una manovra correttiva con l’aumento dell’Iva? “Sono tutte follie, speculazioni giornalistiche perché noi non ne parliamo e io non sarei d’accordo”. Lo dice il ministro dell’Economia Giovanni Tria nel corso della registrazione di ‘Quarta Repubblica’ su Rete 4. “Sarebbe sbagliato fare una manovra restrittiva per mettere ancora più in difficoltà le imprese”, sottolinea Tria.

“TRIDICO ALL’INPS? IO L’HO LETTO SUI GIORNALI”

La nomina di Pasquale Tridico presidente dell’Inps? “Io l’ho letto sui giornali. E comunque è un commissario, non il presidente”. Lo dice il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, nel corso dell registrazione di Quarta Repubblica su Rete 4, intervistato da Nicola Porro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»