Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Botte ad anziani in casa famiglia a Bologna, parla la moglie del titolare: “Non sapevo delle violenze”

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print BOLOGNA - Ha ammesso di aver assistito a due o
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Ha ammesso di aver assistito a due o tre episodi di violenza verbale da parte del marito nei confronti degli anziani ospiti, affermando però di non essersi voltata dall’altra parte, ma di essere intervenuta per calmare l’uomo, di cui conosceva bene l’indole collerica. Questo, spiega il suo legale Pier Francesco Uselli, è quanto ha detto questa mattina ai magistrati nel suo interrogatorio di garanzia la moglie del titolare della comunità alloggio ‘Il fornello’ di San Benedetto Val di Sambro, nell’Appennino bolognese, arrestata la scorsa settimana assieme al marito e a due operatrici della struttura e finita agli arresti domiciliari con l’accusa di maltrattamenti nei confronti degli ospiti della struttura stessa (al marito vengono anche contestati due episodi di violenza sessuale).

LEGGI ANCHE: VIDEO | Ospizio degli orrori a Bologna, anche abusi sessuali

Da lei uno schiaffo a una anziana, ma “caso isolato dovuto a stress”

Parlando con i cronisti al termine dell’interrogatorio, Uselli si sofferma anche su un’altra delle contestazioni mosse alla donna, vale a dire l’accusa di aver colpito con uno schiaffo un’anziana e di averle infilato con forza un cucchiaio in bocca. Sul punto, fa sapere il legale, la 53enne ha detto che si è trattato di un episodio isolato, provocato sostanzialmente da stanchezza e stress.

“Non lavoravo mai di notte, io cucinavo solo”

Quanto ai maltrattamenti compiuti dal marito, prosegue Uselli, la donna ha dichiarato di non aver mai sospettato nulla, visto che tra l’altro “lei nella struttura si limitava a cucinare e a fare un po’ di animazione per gli ospiti, ma non lavorava mai di notte, non si occupava della pulizia degli anziani e non somministrava loro i farmaci, quindi non aveva modo di vederli svestiti” e di notare i segni dei maltrattamenti.

“Ha detto- chiosa l’avvocato- che rimproverava sempre il marito e le operatrici quando inveivano contro gli anziani, e che se avesse saputo dei maltrattamenti sarebbe stata la prima a denunciarli“. Ovviamente, la moglie del titolare ha affermato di non sapere nulla delle violenze sessuali, e del resto gli investigatori, sul punto, non le contestano nulla, visto che quando avvenivano non c’erano testimoni presenti. In ogni caso, fa sapere Uselli, già da un po’ di tempo la donna “pensava di separarsi dal marito”, e visto anche quanto è emerso dalle indagini “ora procederà con la separazione”.

I cibi scaduti agli anziani

C’è infine la questione dei cibi scaduti che venivano serviti agli anziani: sul punto la 53enne si è limitata a dire che “comprava cibi vicini alla scadenza in modo da avere uno sconto del 30-40%“. Ora, conclude Uselli, “leggerò le dichiarazioni rese dagli altri indagati e valuterò un’eventuale richiesta di attenuazione della misura cautelare”.

In mattinata sono state sentite anche le due operatrici, anch’esse finite agli arresti domiciliari. A quanto si apprende, una si è avvalsa della facoltà di non rispondere, mentre l’altra avrebbe sostanzialmente ammesso le proprie responsabilità e si sarebbe giustificata da un lato evidenziando di essersi trovata in grave difficoltà nello svolgimento del suo lavoro a causa della scarsezza di personale all’interno della struttura, e dall’altro dicendo di aver obbedito agli ordini del titolare, che ad esempio le avrebbe imposto di svegliare le ospiti in piena notte, per paura di perdere il posto di lavoro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»