Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Auto travolta da un’onda ad Acireale: recuperati i corpi di due dei tre giovani dispersi

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print PALERMO -  Recuperato al largo del porticciolo di Santa Maria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO –  Recuperato al largo del porticciolo di Santa Maria la Scala, ad Acireale (Catania) il secondo corpo dei tre giovani sorpresi ieri da un’onda anomala e trascinati in mare. A ritrovare il cadavere è stata la guardia costiera. 

Il Nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco di Catania, invece, ha ritrovato la Panda su cui viaggiavano i tre ragazzi: l’auto è stata ritrovata all’imboccatura del porticciolo. 

I vigili del fuoco, intanto, proseguono le ricerche dell’ulitmo giovane.  

Impegnato il Nucleo sommozzatori, la sezione Navale e il Nucleo Sapr (Sistema avanzato di pilotaggio remoto) con l’ausilio dei droni, oltre al personale di terra del distaccamento di Acireale. Al lavoro anche il Nucleo elicotteri.

I tre ragazzi, di età compresa tra i 21 e i 27 anni, si trovavano al porticciolo di Santa Maria la Scala quando un’onda anomala li ha trascinati in mare. 

Le ricerche sul posto, ostacolate dalle condizioni proibitive del mare, sono condotte dai sommozzatori dei vigili del fuoco e dalla guardia costiera.

di Salvo Cataldo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»