Pieroni: Su canoni demaniali “gamba tesa” dell’Ue, Governo intervenga

ANCONA- "Il parere negativo espresso dall'Avvocatura generale della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Cesenatico_mare_copertina

ANCONA- “Il parere negativo espresso dall’Avvocatura generale della Ue in merito alla proroga automatica delle concessioni demaniali per gli stabilimenti balneari riferita alla direttiva ‘Bolkestein’ assume i contorni di un intervento a gamba tesa per penalizzare il nostro Paese e un sistema economico basato sul turismo: una delle voci più rilevanti per la crescita del nostro Paese”. E’ il duro commento che l’assessore regionale al Turismo Moreno Pieroni rilascia alla ‘Dire’ in relazione al parere con cui l’avvocato della Ue ritiene impraticabile la proroga automatica delle concessioni balneari al 2020.

“Talvolta occorre adoperare il buon senso, al di là dei cavilli, se questi possono creare un danno evidente a persone e cose- premette Pieroni-. E se si parla di libera concorrenza allora dobbiamo parlare anche di parità di trattamento con altri Paesi dell’Unione. Questo parere negativo ci deve sollecitare ad un maggiore sforzo unitario da parte delle Regioni e del Governo perché dia una risposta ferma e decisa”.

Di Luca Fabbri, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»