L’Unione europea ha detto sì, stop al segreto bancario sul Titano

SAN MARINO - A larghissima maggioranza, il Parlamento dell'Unione europea approva l'accordo sullo scambio automatico della informazioni finanziarie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – A larghissima maggioranza, il Parlamento dell’Unione europea approva l’accordo sullo scambio automatico della informazioni finanziarie sottoscritto con la Repubblica di San Marino lo scorso 8 dicembre. Sono stati infatti 607 i voti a favore, 22 contrari e 18 astensioni per l’intesa che seppellisce definitivamente l’era del segreto bancario sul Titano ed entrerà in vigore il primo gennaio 2017. A dare la notizia dell’odierna ratifica è una nota di Bruxelles che sottolinea la portata rivoluzionaria dell’intesa, che è già stata ratificata dal Consiglio grande e generale, il parlamento sammarinese, nella sessione di gennaio, quale superamento della normativa Ecofin.

soldiIl voto di oggi chiude definitivamente l’iter legislativo di entrambe le parti e dal 2017 gli Stati dell’Ue potranno ricevere nomi, indirizzi, e numeri identificativi ai fini fiscali dei loro residenti con conti correnti a San Marino, oltre alle altre informazioni finanziarie, idem viceversa. Per Bruxelles l’accordo comunitario con la Repubblica di San Marino “renderà più difficile per i cittadini Ue aprire conti bancari in tale Paese per nascondere capitali al fisco”, poiché “in base all’accordo, dal 2017 l’Unione europea e San Marino si scambieranno automaticamente le informazioni sui conti finanziari dei reciproci residenti”. Le informazioni inoltre “saranno scambiate non solo sul reddito, come interessi e dividendi- chiarisce la nota- ma anche sui saldi e sui proventi della cessione delle attività finanziarie”.

L’accordo in sintesi garantisce che San Marino applicherà misure più restrittive, “equivalenti a quelle in vigore dal marzo 2014 nell’Unione Europea”, dato che è anche “conforme allo standard globale 2014 sullo scambio automatico d’informazioni sui conti finanziari promosso dall’Ocse”. In dettaglio, le amministrazioni fiscali degli Stati membri Ue e di San Marino potranno: identificare in modo chiaro ed inequivocabile i contribuenti interessati; amministrare e far applicare le loro legislazioni fiscali in situazioni transfrontaliere; valutare la probabilità di evasioni fiscali perpetrate ed evitare ulteriori indagini non necessarie.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»