Semplificazione. Nuove idee dalla rete alla regione

PERUGIA - Quarantotto nuove idee, centinaia di apprezzamenti e commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

palazzo-doniniBigPERUGIA – Quarantotto nuove idee, centinaia di apprezzamenti e commenti alle linee proposte dalla Regione: è questo il risultato di un mese di consultazione, avvenuta mediante l’apertura, fino al 23 febbraio,  di un blog dedicato denominato #UmbriaSemplice, sulle 5 linee di intervento, per la predisposizione del Piano triennale di semplificazione – Agenda 2016 – 2018.
Per la prima volta – ha affermato l’assessore regionale Antonio Bartolini -, la Regione ha coinvolto direttamente i destinatari delle proprie  attività (imprese e cittadini), sottoponendo alla valutazione pubblica le linee di intervento e chiedendo ulteriori contributi e idee in modo da predisporre un documento il più possibile partecipato e condiviso. Queste linee guida, definite dopo un lungo periodo di incontri di ascolto con rappresentanze di imprese e cittadini, organizzazioni professionali e di categoria, professionisti, enti locali e pubblici, terzo settore, si basano su un deciso orientamento all’innovazione (di metodo e tecnologica), alla trasparenza ed alla partecipazione e prevedono l’attuazione di misure concrete e mirate ad alleggerire i cittadini da oneri e carichi burocratici, ridurre i costi e sbloccare le imprese. Le tematiche più votate e che hanno raccolto la maggior parte delle idee sono sicuramente quelle riferite alla trasparenza, alla partecipazione ed alla riduzione di carichi burocratici ed oneri gravanti sui cittadini”.

   “Tranne rare eccezioni – ha sottolineato Bartolini – le idee presentate sono risultate coerenti con lo spirito dell’iniziativa, dando un concreto contributo di cui si terrà conto nella stesura del documento di Piano. La consultazione nel suo insieme, ha anche confermato le criticità già individuate dall’amministrazione regionale sia in sede di valutazione di impatto delle attività del precedente Piano triennale, effettuata anche avvalendosi di indagini statistiche sul territorio,  sia con la fase di ascolto dei portatori di interesse effettuata a partire dallo scorso settembre 2015”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»