Pubblica Amministrazione. Serracchiani: “Regioni centrali in riforma”

TRIESTE - "Un'audizione importante che dà il senso di come
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
serracchianiTRIESTE – “Un’audizione importante che dà il senso di come le Regioni tornino ad essere centrali. Ora bisogna essere capaci di raccogliere la sfida“. E’ il commento della presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani al termine della riunione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome a Roma, durante la quale il ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Marianna Madia ha illustrato i contenuti dei primi decreti attuativi della riforma delle pubbliche amministrazioni.
Una centralità che si esplicita in particolare sul tema della semplificazione dei processi amministrativi e del sistema delle pubbliche amministrazioni” ha sottolineato Serracchiani. “Su questo argomento rivestono particolare importanza le societ` partecipate, a partire da quelle impegnate nel settore della digitalizzazione”.
E proprio su questo versante, presente tra i contenuti della riforma, la presidente della Regione ha chiesto “la possibilità per queste società di avere una soglia più larga per quanto concerne il tetto relativo al blocco delle assunzioni, in modo da potere acquisire maggiori competenze e risorse. Si tratta – ha concluso Serracchiani – di realtà strategiche per attuare quella semplificazione a cui mira la riforma”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»