Basilicata, nuove assunzioni alla Ferrero di Balvano per implementare produzione Nutella Biscuits

nutella biscuits
Previsto l'inserimento entro il 2024 di 68 unità lavorative aggiuntive grazie al programma firmato dal ministero dello Sviluppo economico, azienda, Invitalia e Regione Basilicata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – La realizzazione del programma di sviluppo Ferrero firmato oggi dal ministero dello Sviluppo economico, azienda, Invitalia e Regione Basilicata consentirà l‘inserimento entro il 2024 di 68 unità lavorative aggiuntive rispetto a quelle previste dal precedente accordo di sviluppo, per un totale di 518 unità lavorative. Lo precisa il dipartimento Attività produttive della Regione il cui impegno finanziario a carico è di 2 milioni.

“La nuova proposta di contratto di sviluppo, articolata in un unico progetto di investimento – è scritto nella nota stampa – prevede ulteriori e differenti investimenti sempre all’interno dello stabilimento di Balvano, con interventi volti a implementare un’ulteriore nuova linea di produzione dei Nutella Biscuits in conformità al modello Industria 4.0, attraverso impianti dotati di nuove tecnologie in grado di creare diffuse interconnessioni hardware e software tra gli impianti di lavorazione”. Il programma di investimento, nel suo complesso, si propone di conseguire il raddoppio della produzione attuale dei Nutella Biscuits e soddisfare così la maggiore domanda del mercato e rafforzare maggiormente la presenza di questo prodotto anche sui mercati esteri (le produzioni sono rivolte per oltre il 50% al mercato estero). 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»