Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Trieste spazi esterni gratis per i commercianti

coronavirus_negozi_natale
La Federazione Italiana Pubblici Esercizi ha deciso di prorogare la possibilità per le attività di usufruire gratuitamente dell'estensione dell'occupazione di suolo pubblico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Micol Brusaferro

TRIESTE – Negozi e locali di Trieste potranno usufruire gratuitamente degli spazi esterni fino a fine aprile. Ad annunciarlo oggi la Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi della città. “Il Comune di Trieste- si legge nella nota diffusa nel pomeriggio- in considerazione del perdurare del particolare momento conseguente all’emergenza da Covid-19, in accordo con la Soprintendenza dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia, proroga al 30 aprile 2021 la possibilità da parte delle attività commerciali, di usufruire gratuitamente dell’estensione dell’occupazione di suolo pubblico”.

Per chi ne aveva già fatto richiesta il rinnovo sarà automatico, chi invece vuole presentare per la prima volta la richiesta, dovrà seguire le indicazioni fornite dalla Fipe anche via social o quelle pubblicate sul sito del Comune. La delibera non pone particolari vincoli alla maggior superficie occupabile. Per alcune vie e piazze è stato predisposto uno specifico elaborato.

LEGGI ANCHE: In Friuli Venezia Giulia panchine gialle ed eventi online per Giulio Regeni

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»