Reggio Calabria, eletto Consiglio metropolitano: i nomi dei 14 nuovi consiglieri

elezioni consiglio metropolitano reggio calabria
Sono in corso ulteriori verifiche da parte dell'ufficio elettorale metropolitano per la ratifica dei nominativi che affiancheranno il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà nei lavori del nuovo Consiglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA –  Si sono concluse le operazioni di spoglio elettorale per il rinnovo del Consiglio metropolitano di Reggio Calabria con l’elezione dei 14 nuovi consiglieri. Per la lista Democratici per la Città metropolitana risultano eletti: Giuseppe Marino (consigliere comunale di Reggio Calabria), Antonino Zimbalatti (consigliere comunale di Reggio Calabria), Filippo Quartuccio (consigliere comunale di Reggio Calabria), Giuseppe Ranuccio (sindaco di Palmi), Domenico Mantegna (sindaco di Benestare). Nella lista S’intesi sono stati eletti: Armando Neri (consigliere comunale di Reggio Calabria), Salvatore Fuda (sindaco di Gioiosa Jonica), Carmelo Versace (consigliere comunale di Reggio Calabria).
Nella lista Centrodestra metropolitano sono stati eletti: Domenico Romeo (sindaco di Calanna), Giuseppe Zampogna (sindaco di Scido), Rudi Lizzi (consigliere comunale di Gerace), Pasquale Ceratti (vicesindaco di Bianco), Antonino Minicuci (consigliere comunale di Reggio Calabria). Nella lista Territorio metropolitano è stato eletto Michele Conia (sindaco di Cinquefrondi). Sono in corso ulteriori verifiche da parte dell’ufficio elettorale metropolitano per la ratifica dei nominativi che affiancheranno il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà nei lavori del nuovo Consiglio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»