Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il racconto dell’inferno libico: “Pensavo che sarei morto”

ocean viking
L'uomo è stato salvato dalla nave Ocean Viking di Sos Mediterranee. Molti dei sopravvissuti hanno raccontato strazianti storie di abusi subiti in Libia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “In Libia eravamo tutti stipati in una casa, non eravamo liberi di andare dove volevamo. Ero fuori quando sono arrivati i banditi e volevo correre per avvertire gli altri. Quando hanno sparato, io sono caduto a terra. Pensavano che fossi morto e mi hanno semplicemente lasciato lì. Onestamente, ho anche pensato che sarei morto. Questo accade sempre in Libia. Sono stato curato per questa ferita solo 4 ore dopo, un amico mi ha portato da una donna camerunese che era medico e lei si è presa cura di me”. Questo il racconto di un giovane del Mali soccorso dalla Ocean Viking, nave di Sos Mediterranee arrivata al porto Siracusa di Augusta.

LEGGI ANCHE: I 373 migranti sulla Ocean Viking sbarcheranno nel porto di Augusta

Kylian (nome di fantasia) è uno dei 373 naufraghi salvati da Sos Mediterranee in tre distinti interventi nel giorni scorsi nel Mediterraneo centrale. Molti dei sopravvissuti hanno raccontato strazianti storie di abusi subiti in Libia, descrivendo lo spaventoso ciclo di violenza incontrato lungo il viaggio. Molti avevano già tentato di attraversare il mare, ma erano stati intercettati e riportati in Nordafrica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»