fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 25 gennaio 2020

E’ online l’edizione settimanale del Tg Agricoltura del Lazio:

– NELLA TUSCIA UN CONSORZIO DI PRODUTTORI DI PATATE IGP E LEGUMI

Cinque cooperative agricole dell’alto Viterbese legate in un unico consorzio il cui quartier generale è un cuore pulsante dell’agroalimentare, che mette in circolo patate e i legumi tipici del territorio che raggiungono così gli scaffali dei supermercati di tutta Italia. Il Ccorav, nato nel 1972, ha oggi un giro d’affari di 10 mln di euro.

– CEREALI, LEGUMI E SALUMI IN UN’AZIENDA BIO DELL’ALTO VITERBESE

200 ettari di terreni incontaminati nella Maremma laziale, dove vengono allevati circa 400 maiali neri di cinta senese, pecore da latte e asini domestici di razza autoctona viterbese. E’ l’azienda agricola e agriturismo Serpepe, conosciuta soprattutto per i sui salumi e produttrice di legumi e grani tipici del territorio.

– L’OLIVA IN SALAMOIA DOP DAI TERRITORI DI SONNINO

Azienda agricola con 5000 piante secolari distribuite in 20 ettari di terreni nelle prossimità di Sonnino, Casino Re produce olio extravergine da varietà itrana e olive di Gaeta in salamoia.

– DA REGIONE 40MILA EURO L’ANNO PER LA LOCANDA DEI GIRASOLI

La Regione Lazio, attraverso Arsial, sosterrà la Locanda dei Girasoli con un contributo di circa 49 mila euro l’anno e in cambio il ristorante che da impiego a 14 ragazzi con sindrome di Down, promuoverà i prodotti del territorio. Ciò grazie a una convenzione annunciata dal presidente Arsial, Antonio Rosati: “Sosteniamo con orgoglio una bellissima realta’, esempio di integrazione e socialita’, dando forza alle eccellenze enogastronomiche dei nostri produttori. Come amministrazione Zingaretti, cerchiamo di esprimere un’idea di societa’ dove nessuno si senta solo, un nuovo umanesimo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

25 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»