Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trivelle, Conte: “Più saggio dedicarsi a energie rinnovabili”. Di Maio: “Basta petrolieri stranieri”

di maio conte
ROMA - "E' più saggio dedicarci a trivellare a spron battuto i nostri mari o proseguire la transizione verso le
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ più saggio dedicarci a trivellare a spron battuto i nostri mari o proseguire la transizione verso le energie rinnovabili dove primeggiamo? Non conviene continuare su questo percorso e vedere se i permessi concessi tanti anni fa sono ancora attuali per la nostra politica energetica?”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte al congresso del Movimento cristiano lavoratori.

DI MAIO: STOP TRIVELLE È BATTAGLIA PER SOVRANITÀ NAZIONALE

“Lo stop alle trivelle è una battaglia per la sovranità nazionale. Io alla mia terra ci tengo. All’Italia ci tengo. Al mio mare ci tengo. E non ho alcuna intenzione di svendere nulla ai petrolieri del resto del mondo”. Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, lo scrive su Facebook annunciando una diretta video.

Il petrolio estratto nel nostro mare resta in Italia solo per il 7%“, lo stop alle trivellazioni “è una battaglia di sovranità nazionale” contro “le solite lobby che ci guadagnano”, dice ancora Di Maio, nel corso di una diretta Facebook

“Stiamo rispondendo a una richiesta di cambiamento e un passo importante è lo stop alle trivelle. Ieri l’emendamento approvato al Senato blocca 150 trivellazioni petrolifere in Italia, noi vogliamo uno sviluppo diverso”. Perchè, sottolinea, “le trivellazioni non hanno portato nè ricchezza nè benessere in Basilicata o in Sicilia”. Inoltre “investire nelle energie rinnovabili aumenta di 10 volte i posti di lavoro”.

Secondo Di Maio “bisogna avere il coraggio di dire la verità e di cambiare: non possiamo rischiare che l’Adriatico venga riempito di petrolio. Non ho alcuna intenzione di svendere nulla ai petrolieri del resto del mondo. E’ un attacco agli italiani e al nostro mare”, un incidente “sarebbe un danno incommensurabile, pensate ai rischi che corre Venezia”, sottolinea nel corso della diretta Facebook.

LEGGI ANCHE:

Trivelle, i Verdi: “Presto 15 nuove trivellazioni da M5s-Lega”. Dal ministero assicurano che “Costa non firmerà”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»